venerdì 5 agosto 2011

Dieci regole

Buonasera a tutti. 
Che ne pensate delle ormai inflazionate 10 regole per...? Sembra che nella vita ci debbano essere dieci regole per ogni cosa... dimagrire, ingrassare, dormire bene, sedurre qualcuno, cercare lavoro, tenere la casa pulita...
Io personalmente ho sempre rifuggito le 10 regole, primo perché tanto le dimenticherei immediatamente, secondo perché  trovo un pochino riduttivo questo tipo di approccio. Ma c'è forse bisogno di dirlo?
L'altro giorno, tuttavia, mi è capitato sott'occhio un decalogo scritto da un certo Giovanni Notarnicola, psicologo, psicoterapeuta e docente di riabilitazione motoria all'università di Firenze, ovvero




DIECI CONSIGLI UTILI PER GENITORI CHE INTENDONO ALLEVARE FIGLI DEFICIENTI, DEBOSCIATI E ASOCIALI
(ecco, già a leggere il titolo mi è venuto un leggero mal di stomaco)






1° Fin dall'infanzia accontentatelo in tutto ciò che chiede così, alla prima rinuncia, gli verranno le convulsioni.

2° Non insistete con la formazione morale: onestà, solidarietà, laboriosità, mansuetudine, sono caratteristiche per persone deboli.

3° Raccogliete e riordinate voi ciò che lascia in giro, crescerà pensando che le responsabilità siano solo degli altri.

4° Litigate spesso e violentemente davanti a lui, anche per cose futili, crescerà con l'idea che il matrimonio sia cosa da evitare con cura.

5° Difendetelo ovunque e sempre rendendogli ben chiaro il concetto che sono gli altri (compagni di scuola, insegnanti, amici, ecc.) a non capirlo. Cercate di fargli ben comprendere che a scuola si deve studiare soltanto per non essere rimandati.

6° Dategli pure tutto il denaro che chiede; quando si accorgerà in futuro che per averlo bisogna lavorare, rimarrà di stucco.

7° Non rimproveratelo mai per le sue malefatte, potrebbe ricavarne sensi di colpa; così, da adulto, trovando una contravvenzione sulla sua auto in palese divieto di sosta, penserà di essere perseguitato.

8° Lasciategli infastidire gli animali, vessare i compagni più deboli, deridere gli anziani e danneggiare la roba altrui riprendendo tutto con l'apposito cellulare; crederà fortemente in Dio, poichè penserà che Dio e lui sono la stessa persona.

9° Fategli guardare la televisione quanto vuole, senza limiti; crescerà pensando che la vita, le persone, le cose e gli eventi possono essere regolati col suo telecomando.

10° Non fategli praticare attività motorie e sportive, intanto perchè si suda e ci si può far male; poi, imparare a stare insieme agli altri, imparare a saper vincere, a saper perdere, a saper combattere, a sapersi sacrificare è prerogativa delle persone insicure. Meglio fare lo sportivo col sedere: seduto in tribuna!



Intanto devo dire al Dr. Notarnicola che ci è andato giù pesante, però mi ha fatto riflettere; non che queste fossero cose che non sapessi, ma a volte succede che una mamma faccia finta di non ricordarle più, oppure di non accorgersene, o ancora inizi a pensare che non siano poi così importanti. Forse perché le mamme, i genitori in generale, hanno bisogno anch'essi di una guida così come i loro bambini; forse, a volte lasciano correre perché sono così stanchi da non poterne più, altre volte non vogliono dire  no perché hanno paura di deludere/irritare/intristire i figli, insomma, con tutto il cuore vogliamo essere dei buoni genitori ma è una missione delicata e un po' misteriosa... io personalmente cerco di fare del mio meglio, quello che posso e che riesco, e so bene che, in ogni caso, da qualche parte la pentola farà acqua. E' così, e così sarà sempre, per tutti: inevitabile. C'è da sperare soltanto che la pentola faccia acqua dove l'eventuale danno possa essere minore; nel mio caso, mi piacerebbe trasmettere i valori che reputo universali, fondanti e preziosi per una vita vissuta davvero  e soprattutto vorrei saper crescere dei figli sereni (quanto più possibile, anche se questo non dipende del tutto da noi). Sarei tanto felice se ciò avvenisse, e non chiederei altro.
E' una sfida avventurosa, gioiosa, dolorosa... con tratti di strada nel buio...


Bene, il decalogo in questione ha i limiti di tutti i decaloghi, e io domattina l'avrò dimenticato, ma un seme cade sempre da qualche parte e se c'è un senso in queste parole, il seme fiorirà. Se il decalogo di stasera serve a dare uno spunto e farci aggiustare un po' il tiro, ben venga.

2 commenti:

cooksappe ha detto...

:o tipo i dieci comandamenti!

Begonia ha detto...

esatto! caspita, però mi fai pensare che proprio i dieci comandamenti come esempio di decalogo li avevo rimossi...
grazie del tuo commento cooksappe :-)