martedì 31 gennaio 2012

Memorie



L'altro giorno mia mamma mi ha portato un sacchettino di cose molto preziose: una specie di pacco-sorpresa... era trasparente ma un po' satinato per cui si intravedeva qualcosa, ma non bene e non tutto. Bello. E  pian piano tirava fuori... 
Sono usciti da lì: un ciuccio e un pettinino azzurri che anche per una bambola sarebbero troppo piccoli, tre collane di cui una bellissima che sto indossando ora e due così così che ho già disfatto e ricomposto in altra forma, un quadernino-ino-ino (che potete vedere nella foto), un nastro bordeaux, una sfera di vetro con neve (ecco, questa, diciamo, è l'anello debole della catena...) e poi, meraviglia delle meraviglie, degli appunti sparsi e vecchissimi di entrambe le mie nonne. Avete presente la tasca di Tom Sawyer? 


E così, a metà pomeriggio, da povero in canna che era la mattina, Tom era diventato ricco sfondato. Oltre alle cose già dette adesso aveva: dodici biglie, un pezzo di scacciapensieri, un vetro di bottiglia blu da guardarci dentro, un rocchetto, una chiave spaiata, un pezzo di gesso, un tappo di vetro, un soldatino di piombo, due girini, sei petardi, un gattino con un occhio solo, una maniglia d'ottone, un collare da cane (senza cane), un manico di coltello, quattro bucce d'arancia e un vecchio telaio di finestra tutto rotto. ...


(Mark Twain "Le avventure di Tom Sawyer", 1876)


Ecco, il sacchettino di mia mamma era un po' così: il contenuto molto diverso, in realtà, ma la sensazione del tesoro, identica. 





Pin It

2 commenti:

Mario ha detto...

felicissimi ricordi:-))

Anonimo ha detto...

cose piccole,cose belle, cose preziose!