mercoledì 29 agosto 2012

Mare


Buongiorno a tutti, sono al mare e non mi capacito ancora; è da così tanto tempo che non facevo una vacanza riposante, in una nullafacenza quasi assoluta, mi sento baciata dalla fortuna e grata, immensamente grata di poter essere qui e di aver passato un'estate felice. Non mi vergogno di dirlo; so che può sembrare indelicato parlare delle proprie gioie ma negli ultimi anni ho avuto dei periodi difficili e dolorosi (e lunghi) e quindi penso sia mio dovere, ora, godermi ogni minuto di pace e farne tesoro per il futuro, e  non sentirmi in colpa per le cose belle che accadono. 
Spero che voi, miei cari lettori, stiate bene e che la vostra estate vi abbia portato almeno un seme, una promessa di serenità, se non una felicità completa 
:-)
Intanto voglio condividere con voi con un video che a me è piaciuto moltissimo, rilassante, tra  musica, colori, suoni del mondo marino... un cane che nuota coi delfini... buona visione, e un abbraccio virtuale!

NUOTARE COI DELFINI


sabato 11 agosto 2012

Storia da film


Ciao amici,
ho appena letto sul giornale una vicenda curiosa, anzi quasi assurda! 
Qui trovate l'articolo completo; in poche parole, una neo mamma 24enne, a Palermo, era appena stata dimessa dal reparto di ostetricia dove aveva dato alla luce la sua bimba, quando si sono presentati tre giovanotti suoi coetanei a reclamare la paternità della piccola. Tre, dico... TRE! Ovviamente gli animi si sono scaldati e c'è stata una specie di rissa, fino a che la neo mamma se ne è andata con uno di loro rivelandone l'identità di vero padre...  almeno, stando alle sue parole. Ma gli altri due? Chi sarà il vero papà? E poi mi domando: la signorina, che era già pronta con ovetto e tutto, dove sarebbe andata a dormire quella notte? Gli altri sedicenti padri avevano già preparato la cameretta della pargola, il kit per l'ombelico, i pannolini e via dicendo?? A lei restava solo la scelta? Non riesco a capire, vorrei avere dettagli in più. In ogni caso è una storia veramente buffa, ancorché triste... a volte, la vita...
In ogni caso, con tutto il cuore, BUONA FORTUNA PICCOLINA!







domenica 5 agosto 2012

Poesia



Piangere è una piccola cosa -
cosa tanto breve un sospiro.
Ma cose di tale grandezza
uccidono uomini e donne.


Emily Dickinson




venerdì 3 agosto 2012

Sulla vicina di fronte e altre riflessioni


Carissimi,
eccomi qui... ovviamente mi sento in colpa per aver trascurato così tanto la mia creatura e voi, miei pochi ma tenaci lettori a cui sono molto affezionata tanto da ricordare il vostro nome uno per uno... 
Sono tornata dalla montagna a fine luglio e  ho aperto il blog qualche volta per poi richiuderlo miseramente subito dopo... come quando spingi la polvere sotto il tappeto... ma poi sai che è lì, che ti aspetta...  Sapete, credo che per me il blog sia proprio uno specchio della vita reale; momenti in cui hai voglia di scrivere e altri in cui preferisci essere altrove, magari solo nei tuoi pensieri.
Ecco, in questo periodo sono presa da mille pensieri e progetti, da cose da fare e da disfare, si vede che già sento l'arrivo di settembre e voglio essere pronta con  un piano d'azione... perché settembre, per me, richiede proprio il piano d'azione, è sempre stato così, è un mese tremendo ed è bene che lo affronti preparata.
E voi come ve la passate? Cosa state facendo? 
E soprattutto, cosa c'entra la vicina di fronte? Avete ragione, quasi mi dimenticavo di lei, è che stamattina mettendo in ordine la camera dei bimbi ho dato un'occhiata al suo balcone e sono rimasta piacevolmente sorpresa... sapete, lei è una biondona platinata alta e magra, di mezza età, sempre con tacco, trucco e cotonatura, un tipo un po' Debbie Harry dei Blondie in versione spilungona, oppure una Barbie Portofino attempata, che ogni lunedì mattina alla stessa ora fa le pulizie sul balcone con una dovizia e una precisione che non vi dico... estate, inverno, sempre così, mancorrenti, vetri, pavimenti e ogni componente del suo grande terrazzo. Figuratevi io, a vederla... io che il balcone non l'ho mai pulito in vita mia... (di solito mi limito a spazzare via le foglie secche e buonanotte). 
Dunque, dicevo, il suo balcone è sempre stato immacolato (troppo) ma anche così triste...  vetro, acciaio, un tavolino con sedie in plastica bianca (disabitato); più volte l'ho osservato e mi sono detta che la signora doveva essere sicuramente affetta da disturbo ossessivo-compulsivo, o maniaca delle pulizie e cose del genere... e che gente come quella preferisce un luogo sterile e privo di vita ad uno allegro e colorato ma non pulitissimo. Lei però mi ha smentita! Pian piano è arrivato una specie di cipressino nano, poi una pianta grassa, poi una specie di basilico ed infine oggi ho visto, udite udite, una pianta con dei FIORI ROSA!! Nientepopodimenoché!
Che bella visione, ora il terrazzo è meno perfetto ma tanto più bello alla vista... e sono sicura che la signora sta molto meglio di prima, se no non le sarebbe mai venuto in mente di mettere le piante sul balcone, o forse le ha messe e dopo si è sentita meglio...? Non lo so, ma sono contenta per lei.


aquieterstorm.tumblr.com